Nanuc: rivista di cinema, interviste, recensioni sul festival di Venezia
Nanuc - homepage

ultime uscite

approfondimenti

male e peggio

interviste

contatti

link

credits

VENTI SIGARETTE

di Marina Delvecchio

Venti sigarette è una bella opera prima, un film necessario, forse solo un po’ troppo televisivo laddove sono più evidenti le ingenuità dell’esordio, sia nella regia che nella sceneggiatura.
Ma la storia che Aureliano Amadei ha da raccontare è così forte (e sconosciuta) che supera tutte le critiche: è, appunto, necessaria.
Un regista e il suo assistente alla regia – in realtà è un caso fortuito e accidentale che Aureliano parta al seguito di Stefano Rolla – si trovano in Iraq, scortati da militari italiani, per i sopralluoghi di un film italiano che parlerà del recupero di reperti archeologici nella zona da parte della missione italiana.
Aureliano, che nel film è interpretato dal bravo Vinicio Marchioni (il “Freddo” di Romanzo Criminale – La serie), presenta in poche scene la sua vita allegra e anarchica di pacifista convinto tra le riprese per un videoclip e una birra con gli amici del centro sociale. È questa levità sincera, senza troppi pregiudizi – anzi, che dichiara fin da subito i propri pregiudizi poi sfatati, nei confronti dei militari e dell’esercito - che fin da subito ci cala con lui nella narrazione.
Aureliano avrà il tempo di stare a Nassirya, in Iraq, solo ventidue ore, il tempo di fumare quelle venti sigarette del titolo ma anche di capire che i soldati in missione non sono tutti “fascisti”, né solo dei violenti, ma ragazzi come lui disincantati, consapevoli delle bugie che lo Stato racconta in patria per giustificare i finanziamenti alla missione, di fatto di guerra e non di pace.
L’atmosfera del film cambia subito dopo l’attentato. Amadei sceglie di raccontare con crude soggettive i momenti immediatamente successivi alla deflagrazione senza risparmiarci nulla di quello che lui stesso ha visto, sentito e provato: polvere, sangue, spari confusi, una caviglia spappolata e poi la fuga su un camion reggendo tra le braccia un bambino iracheno senza vita.
Il tono cambia poi di nuovo nella terza parte del film, quella che riguarda la lunga degenza al Celio, e le tante visite, alcune solenni ed ufficiali: è la più carica di critiche per via delle strumentalizzazioni che Aureliano rileva e non può tenersi per sé. È così che ci consegna questa sua storia singolare: con gli occhi sinceri di chi ha visto tutto per la prima volta, a mente aperta e vuole raccontarlo anche solo per quelle ferite permanenti, non solo fisiche ma anche e soprattutto psicologiche, quelle più difficili con cui fare i conti, come ci mostra proprio nel finale del film.
È questo il valore di Venti sigarette: la passione, il sentimento e l’umanità con cui descrive i militari caduti, la franchezza con cui mostra la guerra nella sua realtà, senza bugie e senza falsi eroismi, contro tutte le strumentalizzazioni politiche.
Speriamo che il premio come miglior film della sezione Controcampo gli assicuri la visibilità che merita.

[settembre 2010]